0

“…signora se lei mette il 35% di tasse sulla roba che viene dal Messico, Wall Street va sotto terra … capito? quando mi chiedeva Porro perché la gente è così entusiasta, se per caso si realizza un imposta di importazione al 35% , di cui loro stanno già discutendo alla Camera, eh maaa… distrugge i mercati finanziari, perché gli utili delle multinazionali vengono devastati…” … pubblicità!

Queste le affermazioni di Alberto Forchielli (Forchielli…chi???? boh) alla trasmissione di Porro. Ora a parte la simpatia (o antipatia a seconda dei gusti) dell’intervento di Sgarbi, ritengo che la parte finale (trascritta sopra) sia la più interessante. Possiamo ascoltare un difensore della globalizzazione che difende la libera circolazione delle merci e i motivi per i quali, secondo lui, questo sistema va difeso. Non certo per l’interesse dei cittadini americani.

Si passa ovviamente per la prima parte dove le assurdità che vengono dette dimostrano che la globalizzazione e il neoliberismo hanno stravinto grazie soprattutto alla strategia dell’occupazione dell’informazione. Oggi si può andare liberamente a raccontare in televisione assurdità economiche e a difendere le attività e i guadagni dei padroni della finanza e del denaro ricevendone onori.

Quelli che invece vanno a raccontare che questi interessi non sono uguali agli interessi delle persone normali sono diventati “populisti”, se dici che la globalizzazione favorisce chi lavora peggio “non sei al passo con i tempi”, se osi parlare di cooperazione ti dicono che la “concorrenza aiuta lo sviluppo”, se proponi di aiutare le aziende del tuo Paese sei “nazionalista”, se parli di dazi per difendere i lavoratori sei “contro il libero mercato”, se affermi che il libero mercato non favorisce l’economia nazionale sei “antistorico”.

Intanto, si è fatto in modo che chiunque dica assurdità economiche venga trattato da ospite attendibile mentre il contrario sia spazzatura.

L’attenzione alla vita reale dei cittadini, delle persone normali, del lavoro e della dignità umana è spazzatura. E allora va bene, w il libero mercato, la globalizzazione, le aziende cinesi in Africa che pagano il lavoro 15 dollari a settimana, la sanità privata, le multinazionali del farmaco che decidono quante vaccinazioni debbano essere obbligatorie o chi possa curarsi e a che prezzo, che la disoccupazione sia al 10% e strutturale, che l’accoglienza dei migranti sia affidata ai privati e quindi un business, eccetera, eccetera, eccetera…

Per fortuna, a questo punto, che c’è Sgarbi!

 

0

2562total visits,2visits today


Claudio Pisapia

Studio i fenomeni sociali seguendo quelli economici. Maturità classica e Laurea in Scienze Politiche, collaboro con il Gruppo Economia di Ferrara (GECOFE) nell'organizzazione di eventi, conferenze e nello studio della realtà macroeconomica. Collaboro con i giornali online ferraraitalia e scenarieconomici. Ho scritto il libro "Pensieri Sparsi".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.