0

Credo di averlo già detto ma ridirlo non farà male a nessuno.

Quando si parla di pensioni si parla sempre di come queste debbano essere necessariamente coperte da redditi attivi. Cioè ci devono essere sempre persone (inclusi i migranti di Boeri) che lavorano per poter pagare la pensione a coloro che lasciano il lavoro.

A tal proposito mi sembra illuminate quanto disse Greenspan (fu Governatore della FED dal 1987 al 2006) in audizione al Senato USA

Più o meno: “niente impedisce al Governo di creare tutti i soldi che vuole, il punto è che bisogna preoccuparsi di creare cose che con quei soldi possano essere comprate”.

La domanda del Senatore era proprio sulla sostenibilità del sistema in termini finanziari, di denaro … “abbiamo abbastanza denaro per …?”, “ci possiamo permettere di …?”

Quindi un Governatore di banca centrale sa perfettamente che il punto non è mai la creazione del denaro ma solo la sua sostenibilità all’interno del sistema economico. Possiamo pagare tutte le pensioni che vogliamo, come pure tutti gli stipendi che ci piacerebbe pagare, ma bisogna avere qualcosa da comprare con quei soldi e di sicuro questo non attiene ai compiti di una banca, centrale o meno. Attiene all’opera del Governo, della politica, che deve essere capace di prevedere e di stare dietro alle necessità dell’economia reale per evitare inflazione o deflazione.

Non bisognerebbe perdere tempo ulteriore a concentrarsi su quanta spesa può fare uno Stato, perché ne può fare quanta ne vuole, ma la sua spesa deve essere produttiva. In un momento di crisi di domanda, cioè quando i beni ci sono, si possono tranquillamente pagare pensioni e stipendi. Quando si passa ad una crisi di offerta (non di questo secolo) allora il discorso cambia e bisogna ingegnarsi per capire cosa e come produrre per permettere ai soldi di essere spesi.

0

1613total visits,1visits today


Claudio Pisapia

Studio i fenomeni sociali seguendo quelli economici. Maturità classica e Laurea in Scienze Politiche, collaboro con il Gruppo Economia di Ferrara (GECOFE) nell'organizzazione di eventi, conferenze e nello studio della realtà macroeconomica. Collaboro con i giornali online ferraraitalia e scenarieconomici. Ho scritto il libro "Pensieri Sparsi".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.