MR SPREAD “ABBI PIETA’ DI NOI”… NONOSTANTE …

Pubblicato da Claudio Pisapia il

Lo spread sale di nuovo. Non ce lo aspettavamo proprio perché oramai sappiamo tutti cosa rappresenta lo spread e quindi rimaniamo basiti nel constatare che nonostante il buon Governatore della BCE, Mario Draghi, abbia messo in sicurezza il debito degli Stati con il suo QE e il “whatever it takes”.

Nonostante il buonissimo Draghi abbia più volte affermato che la stabilità dell’euro verrà mantenuta a tutti i costi (e quindi per farlo bisognerebbe garantire la stabilità degli Stati che vivono all’interno dell’euro).

Davvero incomprensibile perché da 100 sia passato a 200 che secondo i calcoli di uno che ne capisce, Mario Monti, equivale ad un esborso di 10 miliardi in più per l’Italia. Ah, pensavo di più…

E quindi nonostante abbiamo sempre rispettato gli accordi, i trattati e i suoi vincoli capestro a differenza di Germania, Spagna e Francia i mercati ci puniscono. Del resto i mercati sono senz’anima e noi abbiamo deciso di dipendere da loro e non mi sembra che ancora abbiamo cambiato idea.

Continuiamo ad essere inaffidabili nonostante non sforiamo il 3%, abbiamo i migranti e, scusate, dei terremotati in tenda sotto la neve per i quali chiedevamo di avere una flessibilità dello 0,2%, sempre rimanendo dentro il 3% ovviamente.

Ah ecco… il debito pubblico … alto, troppo alto. Ce lo dice Giannino che è laureato in … non ricordo. Ha studiato con il Ministro dell’Istruzione dicono, ma io non ci credo.

Potrebbe essere magari che il vero motivo per cui i mercati ci puniscono è semplicemente che vogliono di più di quello che gli diamo, nonostante Renzi, Padoan, Gentiloni e tutti quelli pronti a mettere in atto le richieste fatte pervenire nel 2011 a mezzo posta all’allora Governo Berlusconi?

Forse ci viene richiesta un’accelerazione? Ma come darla, ah già! Mettiamo in difficoltà il Paese aumentando i tassi di interessi sul nuovo debito, gli rendiamo difficili i rifinanziamenti e vai: richiesta al MES e conseguente commissariamento.

Fa ridere che un Paese in attivo di quasi 80 miliardi in circa 15 anni nei confronti dell’UE debba elemosinare 3 miliardi di deficit in un momento di difficoltà ma questo è. Non siamo autonomi se loro dicono che è così noi dobbiamo crederci.

E allora ecco che si preparano le basi per il commissariamento e per nuove strette sulle pensioni, sugli stipendi, sull’occupazione, sul credito alle aziende e via dicendo. Una ripetizione del post famosa lettera con la differenza che adesso progettano di venire direttamente a portarla e rimanere con noi fino a quando saranno poste le basi per la svendita di altre aziende pubbliche, per la privatizzazione di quanto ancora rimane a questo Paese.

Il mercato deve prevalere, libero e senza regole. Perché il mercato aiuta la finanza, fa girare il debito, lo deposita in basso portando in alto ricavi e benefici.

E noi? Per noi va bene, tanto è normale e per adesso un piatto di pasta ancora ce l’abbiamo. Magari vediamo più avanti, adesso c’è la Lilly Gruber a LA7 che intervista Luigi di Maio o Di Battista che ci parleranno di corrrruzzzzione.


Claudio Pisapia

Studio i fenomeni sociali seguendo quelli economici. Maturità classica e Laurea in Scienze Politiche, collaboro con il Gruppo Economia di Ferrara (GECOFE) nell'organizzazione di eventi, conferenze e nello studio della realtà macroeconomica. Collaboro con chi mi chiede collaborazione. Ho scritto i libri "Pensieri Sparsi" e "L'Altra Faccia della Moneta".

0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On this website we use first or third-party tools that store small files (<i>cookie</i>) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (<i>technical cookies</i>), to generate navigation usage reports (<i>statistics cookies</i>) and to suitable advertise our services/products (<i>profiling cookies</i>). We can directly use technical cookies, but <u>you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies</u>. <b>Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience</b>.